Veronica Raimo è un’autrice italiana tra le più talentuose. La sua tesi di laurea è a indirizzo cinematografico, un amore che traspare anche dallo stile di scrittura. Il romanzo d’esordio è Il dolore secondo Matteo, tra i più formidabili inizi di carriera del nuovo secolo. Qui la scrittura è parecchio filmica, infatti si legge con in mente le immagini che scorrono. Proprio per questa importante capacità, nel 2012 è sceneggiatrice con Bellocchio per Bella addormentata; con questa sceneggiatura è candidata ai Nastri d’argento.

Candidature e premi arrivano con Niente di vero, romanzo che narra della sua famiglia e del percorso di formazione come solo una gran scrittrice saprebbe fare.