Il femminismo è un problema nella società odierna. Se sei un uomo femminista, probabilmente sei omosessuale; se sei un uomo non femminista, allora sicuramente sei un padre-padrone che odia le donne. Se sei una donna femminista, con tutta probabilità sei omosessuale o una che vuole la parità dei sessi ma si fa svitare il tappo della marmellata dal marito; se sei una donna non femminista, è matematico che tu sia una casalinga con una squadra di calcio al posto della prole. La normalità invece è che essere femminista voglia dire capire che una donna è una donna, condizione biologica, e può fare tutto quello che la società le dice di fare ma, soprattutto, quello che le dice di non fare. Questo è il femminismo coi sottotitoli; il problema è che bisogna ancora spiegarlo.